Rent a Friend: i single possono avere amici in affitto

da , il

    Rent a Friend: i single possono avere amici in affitto

    Essere single e non avere un gruppo di amici può essere davvero faticoso. Infatti, tante persone rinunciano alla ferie perché non hanno qualcuno con cui andare. Purtroppo nella società contemporanea funziona così: tutto è costruito a prova di coppia o famiglia, quando invece le persone che vivono da sole per scelta o per necessità devono fare i conti con situazioni penose. Dall’America è arrivata una soluzione. Mi ha fatto molto ridere e la trovo decisamente molto americana e poco italianizzabile, ma vi passo la notizia. Non si sa mai che abbiate voglia di trovare compagnia in un modo in quanto insolito. Si chiama “Rent a Friend“- “Affitta un amico”- l’ultima frontiera proposta dal Web che si sta diffondendo a macchia d’olio nel resto del mondo.

    Tempo fa avevamo parlato di prendere in affitto un marito, per fare i lavori di casa più duri, visto che il 90% degli uomini quando è casa non fa altro che sedersi sul divano e guardare le partite. Ecco, se vi sentite soli qui potreste trovare degli amici.

    I nuovi compagni, pronti a trascorrere con voi il tempo libero, potranno essere selezionati su un catalogo online, corredato di fotografie, dati personali, hobby e recapiti personali. E’ questa l’idea che sta alla base del sito Usa “Rent a Friend 1″ che, dopo essersi affermato negli Stati Uniti con 2mila iscritti e ogni giorno in continua evoluzione, si sta rapidamente sviluppando, soprattutto tra i giovani.

    Certo, c’è un piccolo problema (per me insuperabile, ma per molti nulla di grave). Queste persone disposte a passare il loro tempo con voi hanno una tariffa oraria.

    Al momento dell’iscrizione l’utente dovrà pagare una cifra simbolica di 25 dollari, mentre affittare l’amico dovrebbe costare almeno 10 dollari l’ora, con punte di 50 dollari. Alcune delle persone che si prestano come “amici” potrebbero infatti decidere di variare la tariffa, a seconda dell’attività che sarà loro richiesta.

    Potete scegliere tra 218mila potenziali amici, tra i quali compaiono anche docenti di lingua straniera, istruttori di fitness, ballerini, pittori, cantanti. E l’idea è buona perché in questo modo potreste anche imparare qualcosa di diverso.

    Se non ve la sentite di passare la giornata così, potreste anche chiedere e ricevere consigli, sempre per 10 dollari. Per cercare gli amici è sufficiente digitare il codice di avviamento postale, selezionare il genere della persona che si intende affittare e premere il tasto “invio”.

    Se state organizzando una vacanza all’estero, potreste farlo, ma per adesso in Italia non esistono persone vicine. La ricerca è ancora limitata agli Stati Uniti e al Canada, anche se le iscrizioni sono accettate da tutto il mondo, Italia compresa.

    Se cercate qualcosa di più vicino c’è “Rent a local friend“, un’iniziativa simile, lanciata da una giornalista portoghese, disponibile anche a Milano e Roma. In questo caso predominante sarebbe però la vocazione turistica: il target è rappresentato da viaggiatori solitari ai quali è data la possibilità di affittare un amico che faccia solo da guida turistica nella località di turno.