Tradimento, le persone fedeli sono più intelligenti

I partecipanti che si definivano atei avevano un Qi medio di 103, mentre i religiosi di 97, quelli di ideologia liberale avevano 106 di media, mentre i conservatori 95. Per quanto riguarda le abitudini sessuali, l'uomo fedele è risultato in media più intelligente

Pubblicato da Valentina Morosini Martedì 2 marzo 2010

Intelligenza e fedeltà. Non ci crederete, anzi i fedeli ne saranno già consapevoli, ma c’è un legame profondo, almeno per gli uomini. A sostenerlo è lo psicologo giapponese Satoshi Kanazawa della London School of Economics che ha pubblicato uno studio sul tema. Il medico ha dimostrato che le persone con un Qi più alto si sono dimostrate libere da ideologie, volte all’ateismo e, se maschi, pure monogami. Riassunto in due parole: razionalità e fedeltà, probabilmente perché la scelta della compagnia arriva dopo una riflessione logica, oltre al sentimento.
I partecipanti che si definivano atei avevano un Qi medio di 103, mentre i religiosi di 97, quelli di ideologia liberale avevano 106 di media, mentre i conservatori 95. Per quanto riguarda le abitudini sessuali, l’uomo fedele è risultato in media più intelligente, mentre nessuna differenza è stata trovata per le donne.

Secondo il ricercatore, le relazioni esclusive sono una novità che riguarda la specie: chi è meno dotato dal punto di vista intellettivo fa più fatica ad adattarsi e quindi tradisce. Conclusione: se un uomo tradisce, oltre a essere bugiardo, è poco intelligente.

Foto tratte da
kingtartous.com
yalp.alice.it
instablog.org
babble.com