Amori sbagliati: perché ci caschi sempre

Ci sono persone che collezionano amori sbagliati uno dietro l'altro e se ti riconosci fra loro, è importante porti alcune domande e capire perché ci caschi sempre. Alcune dinamiche difatti sembrano ripetersi spesso ed è fondamentale riconoscerle.

Pubblicato da Laura De Rosa Venerdì 21 settembre 2018

amori-sbagliati
Foto di Pixabay.com

Gli amori sbagliati spuntano come funghi se non presti la massima attenzione ma perché ci caschi sempre? A quanto pare inutile tirare in ballo la sfortuna o il destino crudele, specialmente se collezioni storia dopo storia tipi simili. E’ una questione, secondo la psicologia, di copioni relazionali che si ripetono sempre identici, perlomeno finché non ci si accorge del tranello ordito dall’inconscio. Alcuni esperti sostengono che i modelli di riferimento vengano introiettati nell’infanzia attraverso le prime esperienze affettive che, se negative, possono condizionare il futuro relazionale inducendoci a cercare un riscatto dal fallimento. E non solo, i motivi per cui gli amori sbagliati continuano a perseguitarti sono numerosi.

Ti convinci che prima o poi cambierà

uomini-che-non-cambiano
Foto di Pixabay.com

Uno degli errori più comuni che commettiamo in coppia è illuderci che un lui o una lei sbagliati, prima o poi cambieranno a immagine e somiglianza dei nostri desideri. Ed ecco che ranocchi, nella nostra immaginazione, si trasformano in principi, uomini egoisti e narcisisti in teneri agnellini altruisti, tutto per merito del nostro miracoloso intervento. In realtà le cose non stanno esattamente così: certo, le persone possono cambiare in meglio ma dipende da loro, non dalla nostra volontà, e sperarci se i difetti che non tolleriamo sono esagerati, è come augurarsi di vincere al superenalotto.

Dai troppa importanza all’istinto

ascoltare-istinto
Foto di Pixabay.com

Oggigiorno si tende a dare molta importanza all’istinto sostenendo che, soprattutto nelle questioni di cuore, sia fondamentale prestargli ascolto. E se non fosse così? E’ proprio l’istinto a spingerci tra le braccia delle persone sbagliate quando il modello sentimentale inconscio è influenzato da esempi negativi o dalla volontà di riscatto. Quindi va bene seguire il cuore e le farfalle nello stomaco, ma è anche bene riflettere su chi abbiamo davanti e se per l’ennesima volta è un tipo violento, egoista, narcisista, insomma il nostro ideale inconscio, meglio pensarci su prima di gettarsi a capofitto nell’ennesima relazione sbagliata.

Dai troppa importanza all’aspetto esteriore

aspetto-esteriore
Foto di Pixabay.com

L’aspetto esteriore, inutile negarlo, ha la sua importanza nella scelta di un partner purché non diventi il principale metro di giudizio. Ma attenzione, non è detto che solo le persone attratte da partner esteticamente belli, secondo i canoni più diffusi, siano condizionate eccessivamente dalle apparenze. Anche chi va a cercarsi sempre la stessa tipologia di “fisico” potrebbe inconsciamente essere vittima dell’aspetto esteriore, legandolo a un certo ideale di uomo o donna. Nulla di male purché non si finisca sempre nel posto sbagliato, a causa di questi condizionamenti.

Ti accontenti di chiunque

accontentarsi
Foto di Pixabay.com

La paura di rimanere sole a volte ci induce a farci andare bene anche chi, evidentemente, non va bene per noi. Accontentarsi in amore di un uomo sbagliato non è però una bella cosa perché man mano nel tempo il vuoto affettivo viene a galla e insieme ad esso il divario fra te e il partner che in realtà non ti piace poi così tanto. Questo è un altro genere di amore sbagliato, altrettanto letale perché non ti renderà mai felice.

 In realtà non vuoi una storia seria

non-volere-storia-seria
Foto di Pixabay.com

E poi c’è la sindrome degli eterni e delle eterne “Peter Pan”, quelle persone che pur fingendo di volere un partner stabile al proprio fianco, in realtà hanno una paura immensa di fare sul serio e di mettersi in gioco in una relazione sentimentale. In questo modo si tendono ad escludere, inconsciamente, tutti i partner costruttivi tacciandoli per noiosi, inadatti e via dicendo, per timore di un amore con la A maiuscola, che com’è noto non è fatto solo ed esclusivamente di passione, ma anche di generosità, pazienza, comprensione, complicità, tutte cose che si costruiscono nel tempo.

Hai la sindrome della crocerossina

sindrome-crocerossina
Foto di Pixabay.com

Non appena ti imbatti in un “caso perso”, dal classico dannato all’irrecuperabile, dal depresso cronico al combina-guai, ti ci fiondi immediatamente attratta dal suo fascino pericoloso. Come se una forza invisibile ti spingesse a cercare relazioni impossibili, e quella forza spesso prende il nome di “sindrome della crocerossina”. Dove c’è qualcuno da salvare, arrivi puntualmente! Attenzione che scegliendo i partner in questo modo, rischi di collezionare fallimenti.

Per te amore è sinonimo di innamoramento

innamoramento
Foto di Pixabay.com

L’innamoramento è quella fase iniziale dell’amore durante la quale ci si fonde completamente con l’altro, a tal punto da trascorrere insieme ore ed ore, senza stancarsi mai. Una fase bellissima, indispensabile, super-passionale, ma non duratura. Quando confondi l’innamoramento con l’amore, che a differenza del primo necessita di costruzione e impegno, capitano i disastri e gli uomini sbagliati.